Fatti e fogli di lavoro sul faro di Alessandria

Il faro di Alessandria , chiamato anche come Pharos di Alessandria, è uno dei Sette meraviglie del mondo e il faro più famoso dell'antichità. È stato un trionfo tecnologico ed è l'archetipo di tutti i fari da allora.

Vedere il file dei fatti di seguito per ulteriori informazioni sul faro di Alessandria o, in alternativa, è possibile scaricare il nostro pacchetto di fogli di lavoro di 22 pagine Il faro di Alessandria da utilizzare in classe o in casa.



Fatti e informazioni chiave

DESCRIZIONE

  • Il Faro di Alessandria è stato costruito sull'isola di Pharos fuori dai porti di Alessandria, Egitto c. 300-280 a.C., durante i regni di Tolomeo I e II.
  • Con un'altezza di oltre 100 metri (330 piedi), era così impressionante da essere entrato nella lista delle Sette Meraviglie del Mondo Antico. Per molti secoli è stata considerata una delle strutture artificiali più alte del mondo.
  • Sfortunatamente, il faro è stato gravemente danneggiato da tre terremoti tra il 956 d.C. e il 1323 e divenne un rudere abbandonato. È stata la terza meraviglia antica sopravvissuta più a lungo, sopravvissuta in parte fino al 1480, quando le ultime pietre rimanenti furono utilizzate per costruire la cittadella di Qaitbay sul sito.

LA CITTÀ DI ALESSANDRIA

  • Pharos era una piccola isola situata all'estremità occidentale del Nilo Delta. Nel 332 a.C., Alessandro Magno fondò la città di Alessandria su un istmo di fronte a Pharos.
  • Alessandria e Pharos furono successivamente collegate da una talpa che si estendeva per oltre 1.200 metri (0,75 miglia), chiamata Heptastadion.


  • Il lato est della talpa divenne il Porto Grande, ora una baia aperta, sul lato ovest si trovava il porto di Eunostos, con il suo bacino interno Kibotos ora enormemente ampliato per formare il porto moderno.
  • L'attuale sviluppo della città che si trova tra l'attuale Piazza Grande e il moderno quartiere di Ras el-Tin è costruito sul limo, che gradualmente ha ampliato e cancellato questa talpa, e il promontorio di Ras el-Tin rappresenta tutto ciò che è rimasto dell'isola di Pharos, il sito del faro nella sua punta orientale essendo stato esposto alle intemperie dal mare.

IL FARO

  • Il faro fu costruito nel III secolo a.C. Dopo la morte di Alessandro Magno, il primo Tolomeo (Tolomeo 1 Soter) si dichiarò re nel 305 a.C. e ne commissionò la costruzione poco dopo.


  • L'edificio fu terminato durante il regno di suo figlio, Tolomeo II Filadelfo, e ci vollero dodici anni per completarlo a un costo totale di 800 talenti d'argento.
  • La luce era prodotta da una fornace in cima e si diceva che la torre fosse stata costruita principalmente con solidi blocchi di pietra calcarea.

DISTRUZIONE

  • Il faro è stato parzialmente rotto e danneggiato dai terremoti del 796 e del 951, seguiti dal crollo strutturale del terremoto del 956, e poi di nuovo dal 1303 e dal 1323.


  • I dannosi terremoti si propagano da due ben noti confini tettonici, le zone di spaccatura africano-araba e del Mar Rosso, rispettivamente a 350 e 520 km dalla posizione del faro.
  • La documentazione mostra che il terremoto del 956 è stato il primo a causare il crollo strutturale degli oltre 20 metri più alti della costruzione. Secondo altri documenti, le riparazioni dopo il terremoto del 956 includevano l'installazione di una cupola in stile islamico dopo il crollo della statua che in precedenza sormontava il monumento.

TEORIE ARCHEOLOGICHE E RISCOPERTA

  • Nel 1968 il faro fu riscoperto. L'Unesco ha sponsorizzato una spedizione per inviare sul sito una squadra di archeologi marini, guidati da Honor Frost.
  • Il team ha confermato l'esistenza di rovine che rappresentano parte del faro. A causa della mancanza di archeologi specializzati e della zona che diventava una zona militare, l'esplorazione fu sospesa.
  • Gli archeologi francesi guidati da Jean-Yves Empereur hanno riscoperto i resti fisici del faro alla fine del 1994 sul pavimento del porto orientale di Alessandria. Ha lavorato con il direttore della fotografia Asma el-Bakri che ha utilizzato una fotocamera da 35 mm per catturare le prime immagini subacquee dei resti sparsi di colonne e statue crollate.


  • I ritrovamenti più significativi di Empereur consistevano in blocchi di granito, 49-60 tonnellate di massa spesso spezzati in più pezzi, 30 sfingi, 5 obelischi e colonne con incisioni risalenti a Ramses II (1279-1213 a.C.). La catalogazione di oltre 3.300 pezzi è stata completata da Empereur e dal suo team alla fine del 1995 utilizzando una combinazione di fotografia e mappatura.
  • Trentasei pezzi di blocchi di granito di Empereur e altre scoperte sono stati restaurati e sono attualmente in mostra nei musei di Alessandria. Le successive immagini satellitari hanno rivelato ulteriori resti.

Fogli di lavoro del faro di Alessandria

Questo è un fantastico pacchetto che include tutto ciò che devi sapere su Lighthouse of Alexandria in 22 pagine di approfondimento. Questi sono fogli di lavoro pronti per l'uso del Faro di Alessandria perfetti per insegnare agli studenti il ​​Faro di Alessandria, chiamato anche Faro di Alessandria, che è una delle sette meraviglie del mondo e il faro più famoso dell'antichità. È stato un trionfo tecnologico ed è l'archetipo di tutti i fari da allora.



Elenco completo dei fogli di lavoro inclusi

  • Fatti del faro di Alessandria
  • Controllo dei fatti


  • C'era una volta un faro
  • Timeline del faro
  • Alessandro Magno
  • Cruciverba antico
  • Il Pharos di Alessandria
  • Marchio del faro
  • Questa è Alessandria
  • Altri esploratori
  • Facciamolo durare

Collega / cita questa pagina

Se fai riferimento a qualsiasi contenuto di questa pagina sul tuo sito web, utilizza il codice seguente per citare questa pagina come fonte originale.

Fatti e fogli di lavoro sul faro di Alessandria: https://diocese-evora.pt - KidsKonnect, 24 maggio 2019

Il collegamento apparirà come Fatti e fogli di lavoro sul faro di Alessandria: https://diocese-evora.pt - KidsKonnect, 24 maggio 2019

Utilizzare con qualsiasi curriculum

Questi fogli di lavoro sono stati progettati specificamente per essere utilizzati con qualsiasi curriculum internazionale. Puoi utilizzare questi fogli di lavoro così come sono o modificarli utilizzando Presentazioni Google per renderli più specifici per i tuoi livelli di abilità degli studenti e per gli standard del curriculum.